La storia della corsa

Lettera del Presidente

bar_vanzini

Bar Vanzini

C’era una volta un Bar in Piazza Torquato Tasso, il Bar dei fratelli Vanzini: Aldo “il buono”, Silvio “il brutto”, Amleto (in Sanfredianino, Ameleto) “il cattivo”. Nel lontano 1946, era uno degli unici rifugi in cui la gente di San Frediano poteva ritrovarsi con gli amici, cercando di dimenticare quello che era stato il triste recente passato e soffrendo per l’incerto futuro. Si parlava di esperienze tristi, e purtroppo anche tragiche, vissute negli anni bui della guerra, ma, come per miracolo, il ricordo doloroso, anziché dividere, riuscì ad unire ed a rafforzare amicizie impensabili poco tempo prima. Così, tra Binda, Guerra, Coppi, Bartali e il Magni, tra le partite di Tamburello in Piazza, gli scherzi a “Uccellino” di Via Villani… (indovinate il motivo di quel soprannome… ), e le arrabbiature di Ameleto, si formò un gruppo deciso a fare qualcosa di coinvolgente: sfidare in una partita di calcio gli amici del Bar Otello. Era il 1946, e da questa sfida tra frequentatori affezionati di due Bar rivali nacque l’A.S. Aurora, che trovò la sua sede di fronte al Bar Vanzini, nell’antico Torrino delle mura, dove gli stradini del Comune vi avevano riposto fino ad allora l’enorme macchina “schiacciasassi”. Il Torrino diventò, quindi, (ed è ancora tutt’oggi) la sede dell’Aurora grazie all’improbo lavoro dei soci fondatori (pensate ad uno stanzone vuoto ricoperto da uno strato di fumo nero creato dallo scarico della macchina… le duecentesche bellissime pietre invisibili). Circa 80 furono i soci fondatori: una pergamena ingiallita dal tempo conserva ancora i loro nomi all’interno del Torrino.

Il ciclismo era lo sport più amato e seguito di allora, e per questo i soci decisero di organizzare la prima edizione della gara Ciclistica per Dilettanti “Firenze-Viareggio”, vinta poi dal futuro Campione del Mondo Enzo Sacchi. Quest’anno si correrà la 69° Edizione, ed organizzarla è per i soci impresa sempre più folle; ma, pensando che nel 1946 la corsa fu seguita a bordo di un camion “Gra” degli alleati (dubbia la provenienza, ma alla Sanfrediano di Topo Bigio tutto riusciva, n.d.r.), noi, che portiamo ancora il nome di quelli di allora, non abbiamo potuto tirarci indietro. La storia della Firenze-Mare è, infatti, certamente fatta dai campioni che l’hanno vinta, e l’albo d’oro lo conferma; ma la storia di questa corsa è anche quello che nessuno sa e vede: è il sacrificio di volontari nella preparazione e nell’organizzazione; ciò che sappiamo fare noi adesso è grazie a quello che c’è stato dato e ci è stato raccontato da coloro che ormai non sono più tra noi; il tutto, sempre realizzato con modestia e semplicità, condito da battute e scherzi di personaggi degni del miglior Pratolini, o soggetti degni di un’ulteriore serie di Amici Miei… E allora rivedo in primis Roberto Mazzola, artista nel battere il rame, indimenticato organizzatore della Firenze-Mare: faceva tutto lui, dall’attaccare i cartelli lungo tutto il percorso, alla direzione della gara (due mesi prima lo vedevamo in sede a preparare la colla… !!!). Ed ancora, un vortice di ricordi: la preparazione del rifornimento ai corridori con il pollo arrosto del Fici di piazza Tasso, il Messini alla guida dell’auto della giuria che in corsa chiedeva il rimborso a Mazzola (sorvolo sulle risposte…), le parole di Roberto Frangi alla presentazione (sì, proprio lui che rivestiva tutto san Frediano), la faccia di Gastone Risso quando si vedeva sfilare dalle braccia i sacchetti del rifornimento per i corridori; e poi ancora Giuliano Curti, Italo Locchi, Sergio Bacci, Renzo Ristori, Renato Natali, i’ Del Priore, i’ conte Razza, Renatino, il segretario Magherini fino ad arrivare a Nando i’ Coppini, addirittura commovente nella sua semplicità, a Romano Giannoni e al grande direttore di corsa Bruno Ferrali. I ricordi mi commuovono, e quindi è meglio che mi fermi qui. Non mi resta che fare un grosso in bocca al lupo a tutti gli atleti che prenderanno parte alla 69° edizione: e che vinca il migliore!

Giampaolo Ristori 

Presidente A.S. Aurora

Leave Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza solo cookie tecnici ma potrebbe utilizzare anche cookie di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi